Tag Archive | pensiero

Un po’ di guru

Ufficio di Collocamento Anime Perse

Oggi mi sono iscritto all’ufficio di collocamento.

Dieci minuti per sapere tutto quello che serve su di me, le mie qualifiche, la mia forza lavoro, le mie competenze, i miei voti, i risultati conseguiti.

L’impiegato pigiava stancamente sulla tastiera. Nell’ufficio c’era un’aria stantia. Sembrava quasi che ci fosse odore di etere, che da tutto traspirasse la lunga attesa del nulla, sembrava di essere dentro le pagine de Il potere e la gloria di Graham Greene: avevo l’inquietante sensazione che da un momento all’altro tutto sarebbe crollato, sotto i miei piedi, compreso il cielo.

Mi sarei risvegliato tra pezzi di cielo appuntiti. Nudo e sanguinante avrei camminato tra le macerie di una vita rivelatasi un’illusione, bestemmiando contro un dio silenzioso e impotente, chiedendogli a gran voce il prezzo da pagare, tutto e subito, anziché a rate.

Scendi giù e fammi vedere il tuo volto umano. No, nessun riflesso nel volto delle creature, io voglio te, per l’ennesima volta sul banco della Storia, ma stavolta è la mia Storia.

Sei te che mi hai messo in questi guai e ne risponderai.

Tutta la mia rabbia pura.

Dove collocherai la mia anima, dimmi, solerte impiegato?

Dove collocherai i miei sogni, ora che tutto ha smesso di avere un senso?

Sono qualificato per vivere, ma al momento, mi dicono, non c’è vita da vivere.

 

Colpevole

Ma che colpa abbiamo noi? – si chiedeva Carlo Verdone.

La verità, invece, è che è soltanto colpa nostra.

Assumersi la colpa, colpevolizzarsi, provare un senso di colpa, non nei confronti di qualcuno, ma nei confronti di noi stessi. Non un senso di vergogna, ma un senso di colpa. Di assunzione matura delle proprie responsabilità.

Ammettere di aver fallito, ammettere che ci eravamo confusi, che eravamo caduti, per colpa nostra.

Non è colpa di nessun altro all’infuori di me.

E so quanto possa essere bruciante la sconfitta, quanto possa essere profondamente deludente perdere tutto perché avevi scommesso tutto, e poi dovere anche ammettere l’errore.

Ma è necessario continuare a cercare un senso alla vita e non darla vinta a quella terribile percezione di sentirsi morti dentro.

Sì, lo ammetto, Vostro Onore, Signori della Corte, io sono colpevole.

Colpevole di aver vissuto, colpevole di essermi illuso contro ogni probabilità di vittoria, colpevole di essere ricascato per l’ennesima volta nel Sogno, colpevole per non essermi mai arreso.

Chiedo l’aggravante della recidiva, e, mi sia testimone l’universo, ho intenzione di continuare ad essere colpevole, fino all’ultimo istante di vita.

Cosa vuoi diventare?

A volte sono proprio stanco del mio mondo.

Di tutta questa letteratura, di tutte queste maledette parole che non servono a niente.

Di tutta questa cultura farlocca per radical chic incontentabili o troppo accontentati al punto che hanno rinunciato a trovarlo, un senso.

Ci vuole sempre del coraggio per trovare un senso, per cambiare davvero, per rivelare un’altra parte di noi.

Ecco domani voglio svegliarmi con altre abitudini, con dei tatuaggi, con qualche piercing, uguale a ieri e diverso da oggi.

Un’altra vita, e poi un’altra ancora, perché non mi basta una vita sola.

Occupy myself

mi sento occupato da forze nemiche

ti faccio un esempio:  loro Pechino io Tibet

 (J Ax, Aumentaci le dosi)

Ciò che finora non è andato in porto è stato occupare se stessi. Il problema di occupare se stessi non è capire cosa fare a Capodanno, Cenone, Natale, Pasqua, Compleanni, Corsi di Cucina o fitness-fatto-in-casa mentre si vedono classici della commedia americana. Non è nemmeno capire cosa fare con gli amici oppure come affrontare una delle serate più noiose a cui, prima o poi, vi troverete a farne parte, anche senza la vostra volontà. Non vi si chiederà nemmeno di comprare fantastiche video-enciclopedie per i tristi propositi del nuovo anno. Questo sicuramente vi farà prendere qualche chilo, ma potrete sempre comprare delle pillole per ammazzare tutti i grassi, uno a uno. Ma non occuperete nemmeno un grammo di voi stessi.

Potrete, sicuro, chiedere consiglio a Google. How to occupy myself. C’è di tutto. Ma non si parlerà mai di occupare se stessi dimenticando proprio di essere se stessi. La fregatura è tutta lì. Occupare se stessi non è una mera questione temporale. L’occupazione non si misura a colpi di lancette, che, tra l’altro, possono anche fermarsi e, anzi, continuare a girare nello stesso modo. Quella è un’occupazione piatta, magari importante, ma mancante: a metà.

Occupare se stessi vuol dire capire che si vuole da se stessi. Non tanto chi si è, perché nessuno vuole scomodare Socrate che nemmeno lui aveva capito chi fosse. Quando si parla di se stessi si mettono sempre le mani avanti. E noi lo facciamo volentieri. Per occupare finalmente se stessi nel senso di riconquistarsi in quanto se stessi.  Non è fare la dichiarazione dei redditi, ma fare la dichiarazione  ai redditi. Quando si parla di occupare se stessi non si fa in cifre. Occupare se stessi è un passo prima dell’egoismo. Non parliamo di occuparsi di se stessi, ma di occupare se stessi, di calpestare le proprie aiuole, contravvenire ai divieti che ci siamo imposti, tradire i buoni propositi, falsificare i bilanci del vecchio anno.

Quando sappiamo ciò che possiamo fare, sappiamo ciò che vogliamo fare. Ovviamente non è una panacea. Come prossimo proposito per l’anno nuovo datevi questo: avere almeno un’idea rivoluzionaria in mente. La mente farà il resto.

L’onda perfetta

 

Sii

come il surfer

che aspetta

l’onda perfetta

abbi fede

perché arriverà

e ti travolgerà.

Tu resta in mare

e sii pronto.

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 291 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: