Fuffa

La vita non ha senso, anzi è la vita che ci dà un senso, sempre che noi la lasciamo parlare… perchè prima dei poeti parla la vita. Dobbiamo ascoltarla la vita.

 (Alda Merini)

La fuffa è la tipica lanetta che si forma nei tessuti e che in genere si rimuove poiché anti-estetica. Proprio questa connotazione ha fatto sì che venisse usato in senso lato per indicare un eccesso inutile. Può indicare anche l’accumulo di peli che si verifica negli animali o l’accumulo di polvere in batuffoli.

(Wikipedia)

“Sì, alle volte sento che mi sto perdendo in eccessi inutili. Non che faccia cose che non mi piacciono, al contrario ne faccio fin troppe. Solo che sento che tutte queste cose, prima o poi, andranno perdute come…”

“Come lacrime nella pioggia?” – completò Paolo citando il suo film preferito, mentre apriva una lattina di coca-cola. C’erano soltanto loro due al bar, faceva caldo: Minosse stava colpendo furiosamente l’asfalto e i pochi temerari astanti che si avventuravano a lasciare le case in penombra o gli uffici ronzanti per i ventilatori accesi.

“Esattamente – annuì Roberto – come lacrime nella pioggia. Solo che qui di pioggia se ne vede ben poca per adesso.”

“Attendi, devi imparare ad attendere. L’estate prepara sempre un nuovo inverno e l’inverno prepara sempre una nuova estate, è un ciclo, abbiamo un sacco di cose da imparare dalla natura.” – aggiunse Paolo, tirando su la coca cola con la cannuccia.

“Disse l’uomo della coca cola. – soggiunse Federico arrivando. Spostò la sedia e si accomodò insieme a loro due. – Che si dice, ragazzuoli?”

“Le solite minchiate – gli rispose Roberto – si parla del senso della vita.”

Federico annuì “Già, già…Da un po’ non si fa altro qui, eh?”

“Eh già. Hai visto che culo quella?” – ammiccò Paolo

“Vista e inquadrata da un pezzo. – disse Federico – Che voto gli diamo? Io opto per un 8 e mezzo.”

“Nove.” – rispose Paolo.

“Quattro.” – disse Roberto.

“Cazzo, Roberto! Oggi sei severo, eh? Ti sei svegliato con la luna storta?”

“Guardati attorno, se trovi un motivo sufficiente per vivere, dimmene uno.”

“Quel culo, ad esempio.” – gli rispose Paolo.

“Sì, quel culo!” – fece eco Federico.

Roberto alzò il bicchiere di birra.

“Al culo, ragazzi. è tutto qui!”

“Al culo!” – risposero all’unisono gli altri due.

“E che il vento ce lo porti qui.” – soggiunse Roberto.

“Amen.”

“Amen.”

Nota a margine dell’autore: in letteratura i bei culi scarseggiano. Caro Giacomo, avrei tanto voluto sapere com’era il lato b di Silvia, e se poteva dar filo da torcere a tutto questo gossip moderno. Chissà come sarebbero stati i jeans a Beatrice o a Laura!

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

12 responses to “Fuffa”

  1. vincenza63 says :

    :-D come sarebbero stati addosso a Dante o Petrarca?

  2. sofianestesia says :

    Me lo sono sempre chiesto anch’io, anche se le mie non si chiamavano né Beatrice e né Laura. E Ridley Scott è un figo!

    • lordbad says :

      l’importante è già immaginarsele :D

      • sofianestesia says :

        La fantasia fa un bello sforzo e molto spesso, a dispetto di quanto tanti possano dire oggi, supera la realtà di molte spanne. Ah, e mi correggo, dato che quelle battute finali di “Blade Runner” ho letto che è stato il mitico Rutger a improvvisarle, secondo la leggenda metropolitana. Quindi, con tutto il rispetto per Scott, Rutger Hauer è ancora più figo.

      • lordbad says :

        La fantasia supera sempre la realtà! Checché abbiano a dirne detrattori realisti :) Non sapevo questa leggenda metropolitana dell’improvvisazione di Rutger, se così è onore doppio a lui!

  3. semprevento says :

    …quella sono io!!!!
    bel culo! direi fantastico…come il mio…qualche anno fa! :-) sei un mito lord…mannaggia a te…
    vai alla grande…
    bacio

  4. alicemate says :

    apprezzare la fresca pioggia quando c’è, la potenza del sole nelle calde giornate italiane e senza dubbio anche una stuzzicante visione in geans. Anche Roberto lo sa ma non lo rende noto perchè vuole godersi la presenza e la tenerezza dell’amicizia… e mandare aff… tutto il resto ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 288 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: