La scoperta dell’acqua calda

Uno dei problemi che ci viene sempre proposto in maniera quasi banale è lo scoprire l’acqua calda. Effettivamente presumo che nessuno di noi abbia scoperto l’acqua calda, anzi, quando uno sta per scoprirla, viene puntualmente scoraggiato dal resto della comunità ‘scientifica’.

Vi dico effettivamente che la nostra società ha bisogno di riscoprire l’acqua calda e, anzi, di farsi un tè per la precisione. O, meglio, di una tisana calmante che permetta di avere del tempo per scoprire l’acqua calda.

Prima problema tecnico per trovare l’acqua calda è propriamente capire perché si vuole scoprire l’acqua calda. Infatti, per scoprirla, ci vuole una forte determinazione di carattere che certamente farà dire alla maggioranza “vuoi davvero scoprire l’acqua calda?”. Perdinci, alle terme nessuno si lamenta, mentre nel resto della vita normale scoprire l’acqua calda dovrebbe essere un reato.

Anzi, proprio per questo mi meraviglio che non esistano leggi che vietino la scoperta dell’acqua calda. L’elementarità del gesto, a detta di alcuni, non richiederebbe uno Stato di polizia, piuttosto ci si affiderebbe al tacito divieto di uno Stato liberale che ci demineralizza l’acqua piuttosto che aiutarci nella sua scoperta.

La scoperta dell’acqua calda si connette ad un secondo ordine di problemi: ammesso pure che la si sia scoperta, effettivamente non ci si potrebbe fare un grande uso commerciale. Ma proprio questo ci deve spingere a cercarla: lasciar stare per un attimo il valore del denaro e ritrovare il piacere della scoperta. (qui, temo un assalto di Alberto Angela che tenterà sicuramente di attribuire la scoperta dell’acqua calda ad Ulisse)

Sono forte sostenitore, tuttavia, di una forma personalizzata di acqua calda. Ognuno ha, piuttosto, il diritto alla sua sacrosanta acqua calda da scoprire. Sicuramente, migliore, dell’acqua calda ‘pesante’ di una centrale nucleare.

About these ads

Tag:, , , , , , , ,

3 responses to “La scoperta dell’acqua calda”

  1. vincenza63 says :

    Fosse anche per scoprire niente, la ricerca, la mia, può valere per gli altri quanto la scontatissima acqua calda. Il mio viaggio non lo cedo a nessuno: è l’unica cosa che ho davvero. Qualunque sia la meta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 286 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: