Lo strip tease dei diritti #7

Note a margine:

L’indifferenza avvelena la terra, ruba vita agli altri, uccide e lascia morire; è la linfa segreta del male. (Ermes Maria Ronchi)

Latina, Tacconi Sud, 20-02-2011

Domani mattina gli operai del l’ENEL staccheranno la corrente elettrica  a causa della morosità del nostro datore di lavoro, il quale, nonostante debba soldi a tutta Italia, dal suo modestissimo punto di vista non ritiene necessario presentare i libri paga in tribunale, atto questo che accelererebbe questa inutile e lenta agonia, del resto, lui come noi vive nel Paese della mistificazione della realtà e quindi se può nascondere questo collasso finaziario per continuare a prendere le commesse dal ministero dell’ambiente, protezione civile ecc, perchè non farlo? Del resto si tratta di una piccola bugia a fin di bene, così salviamo quel po’ di lavoro da portare altrove! Come si fa a non comprendere cotanto sacrificio! Se non fosse per quelle 29 stronze! che pretendono di avere il TFR e 3 mensilità del 2010! Che ingrato il popolo! Così avezzo alla schiavitù e poco riconoscente se non ti spicci a dargli il pane!

Come non capire un così chiaro punto di vista! Del resto siamo le uniche a non averlo fatto, visto che restiamo ostinatamente  in attesa che in seguito all’atto di fallimento da noi depositato venga fissata al più presto un udienza che nomini un curatore fallimentare.

E’ paradossale che per ristabiilire la legalità bisogna in primo luogo violare la legge, occupando una fabbrica, e in secondo, sperare di essere compresi se si procede da soli nel preservarla!

In questa condizione appare chiaro chi fa cosa! Se lo fa e perchè lo fa! se questa vicenda non avesse avuto puntati i riflettori di Anno Zero saremmo scomparse persino a noi stesse! Del resto 29 persone non sono numericamente, politicamente e culturalmente rilevanti  e  perdipiù donne!

Ma questo ulteriore disagio che si aggiungerà al presidio non cambierà la nostra idea di legalità e giustizia, in un momento tutto italiano, dove la valutazione di ciò che è giusto o sbagliato sembra essere un fatto di “maggioranze” o “minoranze”, come se  la parola maggioranza indicasse implicitamente giustizia e cultura della legalità! la nostra meravigliosa e prolissa lingua ha dei termini che indicano espressamente qualcosa e non implicitamente altro!

Si continua a resistere anche all’indifferenza di questa città, che non sembra cogliere il terremoto economico che l’ha devastata, appesa ad un destino che la vede sempre protesa verso mille vocazioni, ma che non realizza nemmeno uno dei suoi possibili scenari futuri.

Rosa Giancola

About these ads

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

10 risposte a “Lo strip tease dei diritti #7”

  1. Saziozero dice :

    Resistere sembra la nostra unica alternativa…

    grazie per il commento, continuerò a seguirvi…

    A presto, ciao.

  2. Patuasia dice :

    Scrivo da Aosta e mi conforta sapere che l’Italia è ricca di blog di questo tipo che comunicano intelligenza e vivacità di pensiero. Le ultime tre righe di questo post bene si adattano anche alla mia realtà.

    • fishcanfly dice :

      Grazie!! Noi stiamo un po’ più giù, nei pressi di Roma, ma l’intelligenza non dovrebbe avere confini! Noi stiamo pubblicando le note della protesta per dare supporto almeno un po’ mediatico!!!

  3. un'esperta del settore dice :

    ho letto in pochissimo tempo tutti i post sulla Tacconi Sud, ma ce ne ho messo un sacco per trovare le parole per commentare. e ancora adesso non le trovo, perché è vero, è tutto paradossale: paradossale che per difendere i propri diritti si debba violare la legge, paradossale che nel 2011 certi diritti vengano ancora messi in discussione, in nome di questa imprenditorialità elastica e “creativa” che peraltro i governi italiani premiano da sempre, per questa solita politica di salvare il salvabile (affossando il resto).

    sono allibita, e scioccata, e tutto quello che riesco a dire è che se in qualunque modo posso rendermi utile alla causa di Rosa e delle sue compagne, io ci sono.

    • fishcanfly dice :

      Credo che per ora, si tratti di informare e confrontarsi, cercando di amplificare il movimento. Sicuramente, purtroppo, sarà destinato a morire. L’indifferenza è tanta, persino nelle nostre zone. I telegiornali l’hanno letteralmente ignorate, quelle operaie.
      Condivido pienamente il tuo stato d’animo. E’ assolutamente incredibile.

  4. Farfallaleggera dice :

    Il tragico sta proprio nel fatto dell’indifferenza della gente convinta che il problema non la tocchi…
    Un piccolo appunto: il datore di lavoro va chiamato PADRONE.
    Ciao vi seguirò e farò un post sul mio blog, anche se non servirà a molto (su queste cose sono MOLTO pessimistica)

  5. Shunrei dice :

    La gente che (fortuna sua!) non è stata toccata da situazioni come questa fa presto a dimenticare , distratta da tutte le vaccate che propinano TV e giornali… proprio per alzare polveroni che nascondano la situazione reale del paese.
    E invece di persone/lavoratori che stanno combattendo in prima persona guerre come quella raccontata nei post ce ne sono tante, e in tutta Italia (anche qui nella mia città romagnola, dove ha (aveva!) sede una famosissima e storica industria di calze… le operaie sono in mobilitazione ormai da due anni… e se ne parla – anche localmente – solo “a fasi alterne”!)
    La crisi è finita solo per quelli per cui non è mai iniziata.

Trackback/Pingback

  1. Mah… « La mia moleskine… - giugno 8, 2011

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 288 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: